Shabby Chic: il tocco di “romanticismo ed eleganza” che fa tendenza

Shabby Chic: il tocco di “romanticismo ed eleganza” che fa tendenza

Vintage? Industriale? Classico moderno? Boho Chic? Tanti sono gli stili che si possono individuare nel mondo dell’arredamento e dell’interior design.

Oggi vi parlo dello stile Shabby Chic che ha raggiunto un riconosciuto successo e non è più da considerarsi come una semplice moda passeggera. Le sue regole sono precise e gli arredi possono essere pezzi autentici e quindi veramente usurati dal tempo e dall’utilizzo ma reimpiegati per altre funzioni. Oppure elementi nuovi sui quali si interviene con delle azioni di decapaggio per creare un effetto “rovinato” e “vissuto”.

Andiamo a scoprire di che si tratta …

Shabby Chic: tradotto letteralmente, significa “elegante trasandato” e sta ad indicare uno degli stili più di tendenza nel campo dell’arredamento grazie al suo aspetto “romantico ed elegante” che possiamo ritrovare in tutte le stanze della casa, dalla cucina alla camera da letto dal bagno fino agli ambienti esterni come il giardino o il terrazzo.

 

Curiosi di conoscere le sue origini?

Il termine è stato utilizzato per la prima volta dalla rivista britannica The World of Interiors nel 1980.
Lo stile Shabby Chic nasce infatti in Gran Bretagna e rievoca gli arredamenti delle belle case di campagna inglesi con i divani sgualciti, le vecchie pitture, le tende candide e grandi lampadari.
Ma ha subìto anche altre influenze che provengono dalle decorazioni a dipinto svedesi, dagli stili di arredamento dei castelli della Loira e persino dal design degli Shakers americani.

E le sue caratteristiche?

Si tratta di uno stile essenzialmente basato sul “recupero” e sul “riciclo” di mobili e oggetti d’arredo spesso scovati in qualche mercatino dell’usato, provenienti dalla soffitta della nonna o ancora creati grazie all’abilità del fai-da-te.

Molti credono che lo stile Shabby Chic sia essenzialmente un tipo di arredo “total white“. In realtà, sebbene il bianco con le sue sfumature, come l’avorio, il grigio chiaro, e le nuance pastello, opache e delicate, la “facciano da padrone”,  i colori utilizzati sono davvero tanti, e arrivano a toccare punte di rosa, viola o blu.
Tutto ovviamente è legato ai gusti di ciascuno di noi e al modo in cui si vuole personalizzare la propria casa.

Di certo c’è che i mobili Shabby Chic pur nella loro semplicità risultano eleganti e di grande impatto, l’atmosfera che riescono a creare è molto soft e rilassante.
Le loro forme, di solito, sono semplici e arrotondate e l’aspetto è ben definito: sono vecchi, o molto spesso, “fintamente vecchi” ridipinti di chiaro, “rovinati” in superficie.
Questi segni di usura conferiscono all’arredamento un’aria romantica e altrettanto trasandata e un tipico aspetto “vissuto” e di “tempo che passa”. Questi segni del tempo che caratterizzano il legno sono però spesso fatti intenzionalmente.
Sebbene a prima vista  possa sembrare che sia un po’ tutto lasciato al caso, l’effetto d’insieme di questi spazi arredati non è affatto trasandato, bensì molto ben curato nei particolari e studiato nei minimi dettagli.

Gli altri materiali impiegati in questo stile raffinato e particolare sono altrettanto “naturali” come per esempio il cotto e il ferro battuto. E per i tessuti quelli principali impiegati da questo stile romantico sono il cotone e il lino in tonalità chiare come il bianco panna o il tortora e abbinati a delicati ricami.

Ok, ma quali sono le stanze che meglio si prestano per questo tipo di arredamento?

Tutto può essere in stile Shabby Chic, dal tavolino in legno del salotto agli scaffali della cucina, fino al tavolo da pranzo, dai comodini, all’armadio della camera da letto. I mobili Shabby Chic possono rinnovare e conferire un aspetto completamente nuovo a tutte le stanze della casa, utilizzando degli oggetti che si pensava fossero ormai da buttare.

Ma che fare se utilizzare lo stile Shabby Chic per arredare un’intera casa può risultare eccessivo?

Se vi ritrovate in questo caso e non volete arredare casa in stile “total Shabby Chic” ma desiderate comunque inserire qualche dettaglio che lo rievochi la soluzione adatta per voi è senz’altro quella di ricorrere all’utilizzo di qualche piccolo elemento d’arredo in questo romantico stile.

Ecco allora che ci vengono in aiuto cornici per foto in legno chiaro decapato, lampade con paralumi in stoffa oppure pizzi e merletti per ricoprire i vostri mobili shabby chic. E ancora si può sistemare qualche utensile vintage in cucina, dei vasetti di latta con qualche fiorellino di campo sparsi qua e là sui mobili, oppure dei cuscini ricamati sul divano della zona living.

Ed ora avete le idee più chiare sullo stile Shabby Chic?

Siete pronti ad arredare la vostra casa seguendo questo stile?

Fatevi guidare dai nostri consigli e continuate a seguirci per trovare lo stile che fa per voi.
–> Visit us

#DesignYourFUrniTURE.


Photo Credit Pinterest

Alcune immagini inserite nel presente blog sono tratte da internet e utilizzate a scopo puramente illustrativo. Se la loro pubblicazione dovesse violare eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email e saranno immediatamente rimosse.