È tempo di ristrutturare la cucina?

È tempo di ristrutturare la cucina?

No panic! Qualche consiglio per non sbagliare

La cucina è da sempre il cuore della casa, ma se nel passato è stata principalmente un luogo isolato dal resto delle altre stanze dove cucinare, lavare i piatti e consumare un pasto, la sua funzione è andata modificandosi nel tempo seguendo di pari passo le nostre esigenze e le nostre abitudini.
Si è così trasformata in uno spazio veramente “condiviso” in cui tutta la famiglia si può ritrovare per trascorrere momenti conviviali e in cui si crea quell’atmosfera di piacere, di svago e di socializzazione.

Pensate che la vostra cucina abbia bisogno di una ristrutturazione per renderla più accogliente, funzionale e confortevole?

Siete nel posto giusto! E troverete sicuramente delle informazioni utili per non commettere errori!

Ognuno di noi ha una diversa idea rispetto alla sua cucina ideale, ma sicuramente saremo tutti d’accordo nel sostenere che debba soddisfare sia l’aspetto estetico sia quello funzionale.

I primi passi da compiere per partire a ristrutturare la cucina sono relativi allo studio degli spazi per sfruttare al meglio gli angoli della nuova cucina. Questo ci consentirà di guadagnare centimetri preziosi per poterci muovere più liberamente intorno al piano di lavoro.
Anche la scelta dei materiali, delle finiture, degli elettrodomestici e dei dettagli non sono aspetti trascurabili.
Se avete dubbi o incertezze potrete affidarvi alla competenza ed esperienza di esperti architetti ed interior designer che saranno in grado di rispondere a qualsiasi domanda e di soddisfare  tutte le vostre esigenze.

Ma procediamo con ordine.

Intanto per prima cosa è importante individuare il tipo cucina che meglio si adatta allo spazio che abbiamo a disposizione.
Grandi spazi o piccolo locale? A seconda della risposta possiamo individuare la tipologia di cucina che fa al caso vostro.
Ne esistono di svariati tipi: la cucina lineare, per esempio, è ideale per gli spazi più piccoli in cui i mobili vengono disposti lungo un’unica parete e gli elettrodomestici vengono posizionati sotto il piano di lavoro, mentre nella parte superiore trovano spazio pensili, dispensa e mensole.

Se lo spazio disponibile è maggiore invece possiamo orientarci su una cucina a Elle che prevede la disposizione dei mobili lungo 2 pareti ad angolo con il tavolo posizionato al centro.

La cucina a U, invece prevede una progettazione più impegnativa rispetto alle altre, ma sicuramente risulta la più funzionale di tutte. La disposizione dei mobili e degli elettrodomestici infatti avviene tutta intorno alla persona che le utilizzerà, consentendo di evitare molti spostamenti e a di avere tutto a portata di mano.

E infine, per chi dispone di grandi open space la cucina ideale e, se vogliamo, anche la più “sognata” è la cucina a isola. L’isola, appunto, è il vero fulcro dell’ambiente, con il lavello, ma anche con il piano cottura a vista, la grande cappa che scende dal soffitto, il piano laterale sporgente che funge da tavolino con i 2 sgabelli per una pausa veloce o un pranzo frugale.

Proseguendo con l’analisi per ristrutturare la cucina, un altro aspetto delicato da valutare è la scelta del materiale per la superficie della cucina che deve essere innanzitutto lavabile con facilità, resistente agli sforzi e durevole nel tempo. Si può spaziare dall’acciaio inox che è il materiale per eccellenza usato dalle cucine professionali e che purtroppo ha costi piuttosto elevati ma ha anche grandi vantaggi per la facilità di pulizia e per la resistenza al calore.

Il laminato è sicuramente il piano di lavoro più conveniente: è pratico, resistente agli urti ma non ama il caldo che è il suo unico punto debole.

Un’altra alternativa è la pietra lavica che però è adatta per le cucine in muratura dallo stile rustico.

Per chi desidera prodotti all’avanguardia, e di conseguenza anche molto costosi, ci sono per esempio l’Okite e il Corian, tutti materiali con elevate caratteristiche, dalla resistenza alle abrasioni e alle sostanze chimiche, al fatto che non richiedano particolare cura nella pulizia rimanendo estremamente igienici.

Per decidere quale piano cottura scegliere è importante sapere che ne esistono di svariate tipologie: sicuramente il piano cottura a induzione è l’ultima novità in fatto di cucine moderne, consigliato per i tempi di cottura brevissimi ma con lo svantaggio di dover acquistare tegami appositi con fondo piatto e ferroso.

Il piano cottura elettrico in vetroceramica, garantisce una facile pulizia e un design decisamente moderno ma comporta un’elevata dispersione di calore per via dei passaggi induttivi impiegati per scaldare una resistenza che a sua volta riscalda il piano.

I piani cottura elettrici tradizionali sono i più economici che offre il mercato ma ci sono anche tanti contro: si scalda molto lentamente, si ossida facilmente, è facile scottarsi e non è sicuramente la soluzione più conveniente in termini di costi di energia elettrica.

E infine il piano di cottura a gas che rimane il favorito da noi italiani per la cucina. La fiamma si regola direttamente e funziona con ogni tipo di tegame. È necessario rivolgersi a un professionista per l’installazione dell’impianto e ovviamente bisogna prestare attenzione a non lasciare il gas aperto!

Prima di concludere con i nostri suggerimenti su cosa valutare prima di procedere con la ristrutturazione della cucina voglio ricordarvi che anche l’aspetto della luce ha la sua importanza. Per questo motivo è fondamentale riservare più spazio possibile all’apertura della finestra in cucina; questo consentirà sia di illuminare facilmente tutto l’ambiente sia di poter favorire il ricambio d’aria che è vitale per questa stanza.

E ora siete pronti a ristrutturare la vostra cucina?

Fatevi guidare dai nostri consigli e continuate a seguirci per trovare lo stile che fa per voi.
–> Visit us

#DesignYourFUrniTURE.


Photo Credit Pinterest

Alcune immagini inserite nel presente blog sono tratte da internet e utilizzate a scopo puramente illustrativo. Se la loro pubblicazione dovesse violare eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email e saranno immediatamente rimosse.